CHI SIAMO

 

La Caprasanta è una piccolissima fattoria con B&B in località Sbarbori, frazione di Santa Maria del Taro (PR), ultima lingua di terra dell’Appennino Emiliano ad un passo dalla Liguria.

Siamo Elena, Nicola e da aprile 2017 anche Guglielmo: una micro realtà agricola familiare come ce n’erano tante in passato a custodire il territorio, ora quasi disabitato.

Prendendoci cura di pezzetti di terra strappati al semi-abbandono abbiamo così recuperato simbolicamente anche le radici, proseguendo nel lavoro campestre degli antenati e maturando l’attaccamento ai luoghi in una convivenza con un terra non sempre facile.

Il B&B è una finestra aperta sul nostro mondo e ciò che lo circonda.……………


“C’è chi scende in pianura per emanciparsi dal passato e chi sale in montagna a inventarsi un futuro. Chi sale è il <<nuovo montanaro>> che ha scelto di abitare le terre alte, e il salire è già azione ribelle di per sè perchè sovverte le leggi della fisica. Montanaro o alpinista che sia, chi sfida la gravità va sempre in direzione contraria. Inoltre il nuovo montanaro porta linfa vitale perchè ha deciso liberamente di vivere in un ambiente difficile, spinto da una motivazione etica ed ecologica. é montanaro per vocazione, non per nascita o condanna. I nuovi montanari sono molto critici verso la macchina del consumo e molto affascinati dai controvalori della montagna: la lentezza, l’immaterialità, il silenzio, la vita comunitaria, i ritmi naturali. Spesso sono più conservatori dei <<vecchi montanari>> perchè difendono quei valori, li cercano, li rinnovano. Certi principi di antica forgia, debitamente attualizzati, diventano antidoti alla civiltà utilitaristica, individualistica e condannata allo spreco. Avanzano risposte scomode alla prosa insostenibile del mondo. Altro che rimpianti! La lentezza e il risparmio sono frecce lanciate nel futuro”. tratto da ALPI RIBELLI – Storie di montagna, resistenza e utopia di Enrico Camanna